Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

Dub Web Fest 2016 - Tutti i vincitori: il Green Curtain va all'argentina Ana

Mercoledì, 23 novembre 2016

Nella fredda, freddissima, congelante Dublino si è tenuta, lo scorso week-end, la seconda edizione del Dub Web Fest, il festival irlandese dedicato alle serie digitali. A trionfare è stata l'argentina Ana, ma c'è stato spazio anche per un po' di Italia e vecchie conoscenze.


Temperatura media attorno ai 3-4 gradi, fissi. Dublino d'autunno assomiglia parecchio a Brescia d'inverno, anche se il fascino tra le due è molto diverso. Ad animare il week-end e riscaldare gli animi ci ha pensato il Dub Web Fest, che ha tenuto la sua seconda edizione alla Filmbase di Curved Street, nel cuore di Temple Bar, dove non mancano pub e una vita notturna parecchio movimentata (ho visto un uomo, in maniche corte e sotto zero, fare le capriole su un contatore della luce... SPQI: Sono Pazzi Questi Irlandesi).
All'interno, invece, abbiamo ritrovato qualche vecchia conoscenza come il duo texano più famoso al mondo, Tom e Dipu di The Pantsless Detective, il cowboy giapponese Atsushi Ogata, la fantastica Nicole Fornoff di Emma's Welt, giusto per citarne tre. La kermesse irlandese si è aperta con screening delle serie in gara e panel dedicati agli autori, uno per le serie drama e uno per le comedy. Interessanti, parecchio, gli incontri con attori, sound designer e altre maestranze del mondo cinematografico/televisivo irlandese e non solo.

Su tutte, forse, la più interattiva e riuscita è stata la masterclass con James Moran, sceneggiatore tra le altre cose di Tower Block e di qualche episodio di Doctor Who: assieme a lui abbiamo spulciato un sito di notizie, scelto quelle più "scritturabili" e intrapreso un veloce ma divertente brain-storming, per trovare una storia da sceneggiare su quell'argomento. Suggerimenti a cascata e alla fine è uscito fuori un film su una 73enne maitresse di un bordello per over 50 in cui un padre fa perdere la verginità con la stessa prostituta con cui la perse lui... E mi fermo qui, anche se a questo capolavoro mancano ancora dettagli.

Tre giorni freddi ma pieni, quindi, culminati con la cerimonia di premiazione presentata da Alan McElroy, stand-up comedian, attore e scrittore irlandese. A trionfare è stata l'argentina Ana, una webserie interattiva creata dall'italo-argentino Guido Simonetti e di cui sicuramente vi parleremo, ma c'è stato spazio anche per un po' di Italia nelle premiazioni: l'Isola Verde ha infatti premiato Hai Visto Tom Collins? per il Miglior Documentario, Su Marte non c'è il Mare per la Miglior Colonna Sonora e con un premio speciale per lo "spirito del festival" a Selfiesh

Curiosi di sapere a chi siano andati i restanti premi? L'attesa è finita ed ecco infatti la lista completa dei vincitori del Dub Web Fest 2016:

The Green Curtain Award
Ana

Best Drama/Thriller
Ana

Best Directing
Laurent Abitbol, Kill Skills

Best Documentary/Reality
Hai visto Tom Collins?

Best Sci-fi/Horror/Fantasy
The Wizards of Aus

Best Comedy
Church Night TV

Best Comedy Sketches
Listen to the Experts

Best LGBT
No Strings Attached

Best Animation
John Death

Best Actor, Comedy
Tom Chamberlain, The Pantsless Detective Season 3

Best Actor, Drama
Virgile Bramly, Kill Skills

Best Actress, Comedy
Nicole Fornoff, Emma's Welt

Best Actress, Drama
Shante Deloach, The Partitioned

Best Cinematography
Beard Club

Best Editing
Surf Therapy

Best Production Design
Beard Club

Best Sound
Surf Therapy

Best Original Writing (Script)
Oliver & Simon Clark, They are here

Best Screenplay
Mina Murray's Journal

Best Ensemble
Deadbeats

Best Music Score
There's No Sea on Mars

Best French Series
Kill Skills

Filmbase Best Irish Series
The Hurler

Best Music Video
Jane Lui - Southern Winds



commenti
Commenta con Facebook o Google Plus