Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

Speciale Roma Web Fest 2016: Siamo riusciti a far scappare Martina?

Sabato, 1 ottobre 2016

Oggi ho vissuto in prima persona la Facebook Live Experience "Excape Martina" e vi racconto che figata è stata.

Ci siamo. Ci hanno consegnato una busta con un indizio e ora parte il live. Martina si sveglia, mentre noi siamo tutti qui a osservarla svegliarsi. Eccola lì, seduta in terra, priva di sensi. Apre gli occhi, spaesata…In diretta, live, su un enorme schermo della Sala 2 del MAXXI, che possiamo controllare anche dai nostri smartphone, su Facebook. E la mente mi regala un flashback, un miscuglio di sensazioni che, fino ad ora, avevo vissuto solo all’età di sei anni, a New York, quando mi avevano portata in un cinema in cui veniva simulato l’atterraggio impazzito di una navicella a Manhattan. Le sensazioni sono le stesse; guardo un schermo in cui accade qualcosa di reale e che dipende dalle mie azioni. Lì non dovevo investire i passanti. Qui, devo salvare Martina. Lì, era una simulazione. Qui è tutto vero. O quasi.
Siamo presenti in molti, tutti coinvolti a vivere un’esperienza comune tanto costruita quanto reale. Riccardo, questa volta, ha proprio fatto centro. E, il Roma Web Fest, è riuscito a rendere ancora più incredibile questa esperienza.
Sì, perché diciamocelo, è stato figo, un qualcosa a metà strada tra SAW, un escape game, un grande fratello di qualità, un gioco di società alla Cluedo e una webserie. Ecco, sì, Excape Martina è stato tutto questo.
Ma, riavvolgiamo il nastro e facciamo un’introduzione per chi non c’era; oggi, 1 ottobre 2016, in occasione del Roma Web Fest, alle ore 15, per 16 minuti, abbiamo vissuto la prima Facebook Live Experience webseriale: Excape Martina. L’ideatore non poteva che essere Riccardo Milanesi, l’autore che sperimenta più di tutti in questo campo. Lo conosciamo da tempo ormai: sono anni che si occupa di digital e transmedia storytelling, è stato autore per Magnolia, ha realizzato Aequilibrium, il primo alternate reality game dedicato alla promozione culturale del territorio e, a noi web series addicted, è noto per essere ideatore e regista di “L’Altra”, la prima Facebook series, andata “in onda” (anche se non credo sia corretta tale espressione in questo caso) dal 23 al 31 dicembre 2010. Anche allora, Riccardo, aveva voluto sperimentare i linguaggi e le modalità di interazione offerte dal mezzo Facebook, attraverso cui gli utenti dovevano aiutare Martina, rimasta chiusa nella biblioteca della scuola durante le vacanze di Natale, a fuggire e riprendere in mano la propria vita, che le stava venendo sottratta dal suo doppio malvagio.
La Martina di Excape è una sorta di progetto upgrade de “L’altra”; lo storytelling interattivo e partecipativo che sui social (in questo caso Facebook) trova la sua ragion d’essere, viene unito alla possibilità di vivere l’esperienza di un live escape game, raccogliendo e avvicinando (fisicamente e digitalmente) persone quotidianamente così geograficamente lontane tra loro da rendere quasi impensabile un incontro. Queste persone si ritrovano in quei sedici minuti ad avere un unico obiettivo comune: aiutare Martina a fuggire e, così, salvarla.


video

E noi, oggi, l’abbiamo più o meno salvata. Abbiamo commentato dandole supporto, cercando con lei una soluzione per aprire quella maledetta cassaforte, interpretando i riferimenti al paradiso dell’Eden che avevamo nella busta e che lei ha ritrovato anche nella cassaforte, rappresentati da “La cacciata dall’Eden” di Masaccio. Ci abbiamo provato, ma all’improvviso ha fatto irruzione un individuo mascherato che, apparentemente, ha ucciso Martina. Abbiamo fallito? I nostri comportamenti, i nostri suggerimenti non l’hanno salvata? No, ma lei è solo priva di sensi e, mentre l’individuo smascherato, una donna (interpretata da Elena Russo, nota attrice di fiction) ci rivela il motivo di quelle azioni, Martina la colpisce e riesce a uscire. “Martina, scappa!”, “corriiii!”, “Non perdere tempo, scappa!”, si legge nei commenti. Martina ringrazia e…Fine. È salva, è fuggita. E l’esperimento è riuscito. Le nostre interazioni avrebbero potuto farla fuggire prima dell’irruzione “della matta”, come è stata definita nei commenti, oppure avrebbero potuto farla morire… La storia avrebbe potuto avere risvolti differenti rispetto al “lieto fine” che abbiamo raggiunto e, questo aspetto, questa tensione costante, ha reso tutto ancora più coinvolgente. Provavamo davvero un senso di responsabilità nei confronti di quella ragazza che ci parlava in preda alla paura. Sì, era un’attrice (interpretata da: Ilaria Silvestri), che seguiva comunque un canovaccio, ma l’interpretazione live del momento, che un po’ rimanda al teatro e a quell’ improvvisazione che solo i veri attori sanno rendere non patetica, ci ha davvero coinvolti.

Per noi, quei 16 minuti, sono stati davvero coinvolgenti. I suggerimenti, i tentativi di interpretazione degli indizi e la sensazione di impotenza quando Martina viene aggredita, erano veri. A metà tra un videogame e una vera missione di soccorso, noi dovevamo collaborare e aiutarla. Saremmo anche potuti restare lì, fermi senza interagire e guardare cosa sarebbe accaduto in quei 16 minuti a Martina, ma non ce l’abbiamo fatta; avevamo l’opportunità di partecipare, di entrare a far parte di quei 16 minuti di narrazione e l’abbiamo fatto. Alcuni hanno indugiato, altri presi dal momento si sono lanciati subito in soccorso digitale di Martina. È stato veramente una figata. E, a esperienza conclusa, siamo divertiti e restiamo con uno spunto di riflessione non indifferente: che rapporto abbiamo con i social? Sì, uno degli obiettivi dell’esperimento di Riccardo Milanesi, era proprio questo; farci riflettere sulle relazioni che intrecciamo online, sui social, “dove l’etica che accompagna le dinamiche relazionali della vita reale, viene spesso distorta”, mi aveva detto Riccardo a luglio. Ebbene sì, ci relazioniamo diversamente online, sui social. Anche se, forse, in una situazione reale simile a quella vissuta con l’esperimento, ci troveremmo comunque a collaborare, ci sarebbero comunque dei leader e dei follower e cercheremo tutti un obiettivo comune. O forse no. Resta il fatto che oggi, 1 ottobre 2016, dalle ore 15, per 16 minuti, io, Chiara di World Wide Webserie, su Facebook mi sono unita ad amici e a perfetti estranei per aiutare una perfetta sconosciuta a fuggire da una stanza. Ed è stata una vera figata. Ci siamo sentiti tutti parte di qualcosa, uniti da un senso di squadra e di aggregazione che è sempre difficile creare in gruppi cosi numerosi, eterogenei, estranei e distanti. E Riccardo Milanesi ce l’ha fatta. Missione compiuta, Riccardo. Martina salvata ed esperimento riuscito. What’s next? Aspettiamo qualche altra figata e, per l’occasione, ti facciamo qualche domanda sull’esperimento:


1) È andata come te l’aspettavi? Questo esperimento ha soddisfatto tutte le tue aspettative?
Sì, anzi è andato meglio delle aspettative! Quando si decide di raccontare una storia live chiedendo la partecipazione e l’interazione degli spettatori, i rischi sono altissimi: dai problemi tecnici (poteva banalmente saltare la connessione), alla gestione del pubblico (su Facebook sappiamo che la figura dell’hater è sempre dietro l’angolo). Ma è davvero filato tutto liscio, merito anche delle attrici che sono state professionali, reattive e hanno creato empatia con il pubblico. 
2) La storia ha avuto risvolti che non erano stati previsti?
Diciamo che avevo cercato di prevedere qualsiasi tipo di risvolto…
3) Pensi farai altri esperimenti di questo genere?
Mi affascina il mondo del live storytelling (che già frequentavo nel 2010 con l’Altra, quando ancora il vero “live” non era possibile). Quindi la risposta è: sì, tenevi pronti :)
4) Tu hai sempre ricercato la sperimentazione nei tuoi progetti, sfruttando tutti gli aspetti dei social e del web. Dal tuo punto di vista, e anche a seguito di questo tuo esperimento “live”, dove credi stia andando lo storytelling, la narrazione seriale e non?
Credo che andrà sempre di più nel mondo transmediale: utilizzare piattaforme e media diversi per raccontare una storia.
5) E ora? What’s next? Cosa dobbiamo aspettarci ancora da te, lo sperimentatore delle webserie per eccellenza? 
Come dicevo, qualche incursione nel live storytelling e un progetto che unirà web e fumetti.

E allora attendiamo la prossima figata!





Chiara Bressa,
World Wide Webserie / About Me
@Chiara Bressa


commenti
Commenta con Facebook o Google Plus