Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

Hi Future! Il bando di Janssen dedicato alle webserie

Giovedì, 23 giugno 2016

Hi Future! il bando Janssen, in collaborazione con il Roma Web Fest (RWF), lanciato per realizzare una webserie che promuova i valori dell'innovazione nel settore sanitario, chiuderà il 10 luglio. Ci racconta qualcosa in più Janet De Nardis, direttore artistico del RWF.

Autori, registi e creativi webseriali, c'è una nuova opportunità tutta per voi! Dallo scorso 11 maggio, sul sito del Roma Web Fest, è online il bando Hi Future!, al quale sarà possibile partecipare fino al prossimo 10 luglio. L'iniziativa è stata lanciata in occasione dei 40 anni di Janssen, azienda farmaceutica del gruppo Johnson & Johnson nota a livello internazionale, che quest'anno ha deciso di puntare sulle webserie per promuovere i valori dell'innovazione nel settore sanitario, oltre che favorire il dialogo tra la sanità e i giovani, che sono il vero futuro del mondo. La casa farmaceutica ha da sempre mirato all'innovazione in diverse aree terapeutiche, cambiando il corso di molte patologie come l'HIV, l'epatite, le malattie mentali e le onco ematologiche.
E ora Janssen, per i suoi 40 anni, vuole promuovere proprio l'innovazione sanitaria e come da essa dipenda la salute di domani, del nostro futuro, e vuole promuoverla attraverso i giovani e il loro nuovo linguaggio creativo: le webserie.






Volevamo sapere qualcosa di più su quest'iniziativa, qualcosa che andasse oltre le informazioni tecniche del bando. Così abbiamo fatto qualche domanda a Janet De NardisDirettore Artistico del Roma Web Fest.

1) Raccontaci di questa collaborazione tra il Roma Web Fest e Janssen

"Si tratta di una collaborazione importante perché testimonia un cambiamento di rotta del mercato italiano. Finalmente le aziende iniziano, anche se timidamente, a investire sui giovani talenti. Questo concorso in particolare non è rivolto ai filmmakers, ma agli autori, per dare un messaggio di sostegno alla creatività che (diciamolo con orgoglio e ad alta voce), vive e si perpetua grazie soprattutto agli autori. È necessario riprendere la tradizione di una buona scrittura, perché solo incentivando i giovani talenti a concentrarsi sui copioni, riusciremo ad avere nuovamente un grande cinema e tante storie meravigliose da raccontare".

2) Cosa ha spinto Janssen, casa farmaceutica nota a livello internazionale e con un trascorso quarantennale, a dedicare un bando alla webserialità in Italia?

"La spinta credo derivi da una nuova consapevolezza da parte delle grandi aziende (e spero presto anche di quelle meno grandi), che la comunicazione è cambiata, che gli interlocutori sono diversi e che è necessario adeguarsi ai tempi. In questo caso particolare, abbiamo davanti a noi una società che vuole capire se nel Mare Magnum del web esistono davvero dei talenti, e credo che questo sia solo il primo passo, da parte di un'azienda come Janssen, per incentivare la creatività".

3) Si tratterà della prima serie web dedicata all’ innovazione e alla salute del futuro, veicolata poi come strumento virale. Quali benefici, secondo te, possono derivare da questa unione tra il settore farmaceutico e le webserie?

"Credo che non si possa fare un ragionamento sul tema specifico di un prodotto, anche perché in questo caso particolare, la Janssen ha intelligentemente dato un tema molto ampio e assolutamente vieta ogni forma di pubblicità del proprio brand. Credo che grazie all'investimento di una qualsiasi azienda, nel comparto culturale, si possano avere giovamenti a partire dal fatto che finalmente anche l'audiovisivo italiano si avvicinerà al concetto di industria e non di "società assistenzialista". L'industria esiste quando aziende che producono un profitto investono su un prodotto, e in questo caso la Janssen sta investendo su un prodotto culturale rivolto ai giovani creativi".

4) Spiegaci in breve il bando; quali sono i vincoli per partecipare? E quali benefici avrà il vincitore?

"È un bando che offre davvero un'opportunità agli autori. Basta scrivere un soggetto di serie e i soggetti delle 4 puntate richieste più la sceneggiatura di un teaser di al massimo 3 minuti. Chi invierà questi materiali avrà l'opportunità di vedere realizzato prima il proprio teaser (saranno selezionate 5 idee) e poi, per il vincitore assoluto, verranno messi a disposizione 20mila euro per la realizzazione delle 4 puntate richieste. Il vincitore assoluto, che potrebbe essere un qualsiasi talentuoso autore che non ha mezzi per realizzare le proprie idee, potrà avere l'occasione di vedere prodotta la propria opera. Ma anche gli altri 4 selezionati per la realizzazione del teaser avranno un'occasione unica: con un piccolo sforzo creativo, avranno un produttore che renderà in  immagini delle brillanti idee".


Quindi, se avete idee brillanti e avete intenzione di dar loro una forma webseriale, date un'occhiata al bando  Hi Future! – la salute di domani a partire dalle idee, per il quale l'invio dei progetti (ogni progetto deve essere costituito da soggetto della webserie, soggetto dei primi quattro episodi e sceneggiatura del teaser) sarà possibile fino alle ore 23:59:59 del 10 luglio.
Entro il 20 luglio verranno poi selezionati i 5 progetti finalisti, che saranno pubblicati sul sito del Roma Web Fest e di Janssen entro il 21 luglio e che, con il supporto di una società di produzione audiovisiva, dovranno realizzare il teaser (di durata compresa fra i 3 e i 5 minuti) entro il 10 settembre. La selezione finale avverrà ad opera di una Giuria entro il 25 settembre, in occasione dell'evento di Premiazione del Roma Web Fest.
La Giuria, composta da una componente tecnica, una istituzionale, un rappresentate di Società Scientifiche e/o Associazioni Paziente e un rappresentante Janssen, esaminerà i 5 teaser finalisti e proclamerà il progetto vincitore del premio Janssen Hi The Future!, che riceverà il supporto di una società di produzione per un importo massimo di 20.000 Euro, volti a sviluppare e produrre i 4 webisodesdella durata massima di 10 minuti l'uno.

Che aspettate? Tutte le informazioni le trovate scaricando il bando dal sito del Roma Web Fest. In bocca al lupo a tutti!

Chiara Bressa,

World Wide Webserie / About Me
@Chiara Bressa


commenti
Commenta con Facebook o Google Plus