Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

"Hai visto Tom Collins?" Sì, e ci è piaciuta tantissimo!

Mercoledì, 20 gennaio 2016


"Hai visto Tom Collins?" ci invita al fantomatico Ibis Bar, per scoprire insieme al suo unico cliente le origini dei cocktail più celebri. 

Esiste quell'idea che i cocktail siano giusto roba da discoteca, perlopiù annacquati, da servire in bicchieri con cannucce chilometriche e buoni giusto a far sentire più grandi della loro età i diciassettenni in discoteca.

E se da una parte è tutto tristemente vero, molto spesso ci si dimentica che dietro a ognuno di loro, così come a ogni grande invenzione dell'uomo, si cela una storia, un aneddoto, che restituisce dignità al cocktail (se ben fatto ovviamente).
"Hai visto Tom Collins?" è esattamente questo: una serie web che, in episodi di circa tre minuti, ci racconta la storia di tutti quei drink che abbiamo sentito ordinare un'infinità di volte a feste e aperitivi, senza mai neppure chiederci per esempio perché il Margarita si chiami Margarita.

La webserie, prodotta da Condor Movie e pubblicata sul relativo canale Youtube a partire dal 29 dicembre scorso (qui trovate anche la pagina Facebook), è composta da una prima stagione per un totale di cinque episodi, quattro dei quali sono già disponibili per la visione. A condurci in questo viaggio c'è l'attore bresciano Alberto Guerra, nei panni del cliente, che insieme a Massimiliano Nicolè (direttore della fotografia) ha ideato la serie.



Un prodotto a fortissime tinte bresciane, dato che dietro al bancone dell'Ibis Bar, la singolare location comune a tutte le storie raccontate, si alternano a ogni episodio i barman di alcuni dei più frequentati locali bresciani, che vi ipnotizzeranno con una preparazione a regola d'arte. Anche la colonna sonora è bresciana DOC, realizzata dalle band Taipan e Mojo Killers.

In sostanza non possiamo che consigliarvi questa webserie, fosse anche solo per potersi rivendere la storia del Cuba Libre la prossima volta che ne ordinate uno al bar, per fare gli splendidi della compagnia. Ma soprattutto perché si tratta di un prodotto divertente, ben confezionato e davvero interessante. 

Da gustarsi con piacere, come un ottimo cocktail.  

P.S. Nel caso ve lo steste chiedendo, se siete analfabeti alcolici come il sottoscritto e volete andarlo a cercare su Google, vi evito la fatica:
il Tom Collins è un long drink a base di Old Tom Gin, succo di limone, zucchero e soda, da servire con ghiaccio in bicchieri larghi (grazie Google).  





Federico Mulas,
World Wide Webserie
@Feda_3



commenti
Commenta con Facebook o Google Plus