Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

DubWebFest: LSB The Series è la BEST LGBT

Martedì, 1 dicembre 2015

La prima edizione dell'irlandese Dub Web Fest si è conclusa il 22 novembre e, tra i vincitori, sventola anche una bandiera italiana con LSB - The Series, che si è aggiudicata il premio Best LGBT e che ha definito il webfest di Dublino come "un festival in cui si respirava un'atmosfera familiare".


Il 22 novembre scorso, si è conclusa la prima edizione del Dublin Web Fest (DubWebFest), festival dedicato alle webserie nato da un'idea del co-fondatore Mikael Thiery.
Il DubWebFest si è proposto come la "First Irish Celebration of Online Storytelling", la prima celebrazione irlandese dello storytelling online, rendendo la città di Dublino, per due intere giornate,  un cuore pulsante interamente dedicato alla webserialità. Il webfest ha ospitato registi, sceneggiatori e creativi provenienti da ogni angolo del mondo, offrendo anche panel, proiezioni, workshop ed eventi totalmente focalizzati sul digital content.

Tra le 153 opere iscritte, 93 sono state selezionate e, tra queste, ben sette webserie erano italiane. Di queste magnifiche sette, una è rientrata in Italia vincitrice. Di quale si tratta? Di LSB - The Series, la prima webserie nostrana a tematica lesbica, che si è aggiudicata il riconoscimento di Best LGBT. Le prime due stagioni online (e la terza in cantiere) sono opera di due giovani autrici italiane: Geraldine Ottier e Floriana Buonomo. Ed è proprio a loro che abbiamo fatto qualche domanda sul DubWebFest e su questa vittoria italiana in terra irlandese;


Floriana Buonomo e Geraldine Ottier
  1. Il DubWebFest vi ha premiato come Best LGBT; cosa significa questo riconoscimento per LSB?
    «
    È stato un riconoscimento molto importante per noi, sia per il duro lavoro di portare avanti questo progetto da 4 anni, sia per aver vinto contro serie straniere tecnicamente ineccepibili». 

  2. In Italia avete ricevuto qualche altro riconoscimento? Se sì, qualcuno di questi, era legato alla tematica LGBT? Credete che il premio alla vostra webserie, in Irlanda, sia legato alla maggiore apertura nei confronti della tematica lesbica - dimostrata anche dal referendum 2015 a favore dei matrimoni gay? «In Italia abbiamo vinto come Miglior Web Series al festival di Infinity INFF2015, che ci ha permesso anche di andare in onda su Italia 1 con il primo episodio, e un premio speciale al Formia Film Festival come giovani emergenti. In Italia non ci è mai capitato di iscriverci a un festival che avesse la categoria LGBT (sinceramente non so nemmeno se ce ne sia uno - precisa Geraldine -) e, sicuramente, all'estero i festival di webserie sono più aperti anche alle tematiche di genere. E l'Irlanda, in particolare, è stata molto sensibile al riguardo, vista la recente apertura ai matrimoni omosessuali. Sicuramente in Italia siamo ancora indietro sulla questione diritti, ma anche sulla visibilità e speriamo che progetti come il nostro possano dare la possibilità di riflettere che, anche nel nostro Paese, la comunità LGBT ha bisogno di un riconoscimento dei diritti civili».
  3. Cosa vi lascia questa esperienza a Dublino? Com'è stato questo festival estero per voi? «Il Dub Web Fest è indubbiamente uno dei migliori a cui abbiamo partecipato, per l'aria che si respirava. Sia Mikael che Erol (i fondatori) sono infatti riusciti a creare un festival in cui si respirava un'atmosfera familiare, che ha permesso ai creatori di webserie di confrontarsi e stringere legami. Siamo tornate a casa con il cuore e gli occhi pieni di gioia». 
Dopo questo sudato e importante riconoscimento estero, «al momento ancora non abbiamo valutato (se partecipare ad altri festival, n.d.a.), ma sicuramente proveremo a iscriverci a più festival stranieri», spiegano Floriana e Geraldine. Nel frattempo, però, «stiamo lavorando alla terza stagione. La sceneggiatura è pronta, ma mancano i soldi per cominciare. Siamo quindi alla ricerca di sponsor che possano contribuire alla realizzazione. Abbiamo due new entry, ma non possiamo dire di più».

Oltre al premio Best LGBT, vinto dalla nostrana LSB - The Series, sono stati assegnati altri 23 riconoscimenti, vinti da webserie e digital contents molto diversi tra loro. Di seguito la lista completa:
  • Best Drama/Thriller/Mystery : Random
  • Best Documentary/Reality : Zyara
  • Best Sci-fi/Horror/Fantasy : Gabriel
  • Best Comedy: Burning Wishes
  • Best Comedy Sketch : Yukata Cowboy
  • Best LGBT : LSB - The Series
  • Best Animation : Bigshot
  • Best Actor : Shaun Blaney (Farr)
  • Best Actress : Lola Coipeau (Random)
  • Best Cinematography : Zyara
  • Best Directing : Vincent Gallagher (Burning Wishes)
  • Best Editing : The Rolling Soldier
  • Best Sound : Night School
  • Best Screenplay : Osmosis
  • Best Transmedia Project: Connected Walls
  • Filmbase Best Irish Series: Burning Wishes
  • Best Music Score : 5 Cents and the Boyz
  • Best Ensemble : 5 Cents and the Boyz
  • Best French Series: Gabriel & Osmosis
  • Best Music Video: Apollo
  • Best Directing For Music Video: Imogen Murphy
  • The Green Curtain Award: Burning Wishes
  • Special Mention: Authentik
Questa prima edizione del DubWebFest si è dimostrata ricca di premi, di contenuti, di opere diverse e provenienti da ogni dove, ponendo le basi per possibili edizioni future di successo.


Chiara Bressa,

World Wide Webserie / About Me
@Chiara Bressa


commenti
Commenta con Facebook o Google Plus