Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

"Non c'è problema" e "Connessioni:10 incontri sentimentali" - le due webserie targate Cattleya e Repubblica

Venerdì, 30 ottobre 2015

Arrivano Non c'è problema e Connessioni: 10 incontri sentimentali, le due webserie prodotte Cattleya e La Repubblica, in collaborazione con Timvision.

Da ormai diversi anni le case di produzione tradizionali guardano con interesse al web, ai suoi linguaggi, ai suoi formati e, quindi, alle webserie.
Questa volta, a darsi alle webserie, sono Cattleya e La Repubblica che, in collaborazione con Timvision, hanno prodotto Non c'è problema e Connessioni:10 incontri sentimentali.
Presentate il 23 ottobre in occasione di Alice nella città, presso il Nuovo Cinema L’Aquila di Roma, le due produzioni vedono unirsi l'esperienza di una realtà cinematografica come Cattleya, produttrice della serie Gomorra, del film e della serie Romanzo Criminale, solo per citarne alcune, e la realtà editoriale del Gruppo L'Espresso, che con Repubblica.it si interessa alle webserie già da qualche anno.
Da ieri, 29 ottobre, sono online su Repubblica Tv i primi due webisodi di Non c'è problema, scritta e interpretata da Luca Ravenna, ventisettenne milanese che in 10 webisodi da circa 6 minuti l'uno, si sdraia sul lettino dello psicanalista e, con situazioni paradossali a metà tra il sogno e la realtà, ci racconta la sua paura dei piccioni e della morte nell'era dei social, ironizzando sulla nostra modernità e proponendo un'occhio satirico per guardare a questa realtà sempre più paradossale. Ed è così che, la paura della semplicità, si concretizza in un piccione di dimensioni umane anzi in un Piccione Milanese Imbruttito di dimensioni umane, che si è perso nella "Capitalissima" e per il quale la fobia dei piccioni "non è una cosa normale", "ed è tendenzialmente femminile come cosa, come tutte le fobie zoomorfe...", una fobia da affrontare da soli "se no non potrai più fare nessun aperitivo all'aperto e capisci che la cosa, da milanese, potrebbe rappresentare un problema enorme". Alla fobia dei piccioni, che in realtà hanno capito tutto della vita perché la passano seguendo la filosofia del "business delle cose semplici", si affianca la paura della morte nell'era dei social network. Cosa accade ai nostri profili social dopo il nostro passaggio a miglior vita? Ce lo spiega Arancia che, con la sua agenzia di pompe funebri social, mantiene vivi i profili delle persone "downgraded...... sì, defunte, ma è meglio downgraded", adattando lo stile di ogni profilo alle esigenze del trapassato, a seconda che questo, in vita, sia stato un "suicide boy" o un "radical like", ad esempio. I social network permeano ormai in maniera paradossale quasi ogni aspetto della nostra vita, ed è notizia di quest'anno l'introduzione del "contatto erede", cioè la possibilità di selezionare il contatto a cui lasciare in eredità il tuo profilo dopo la morte. Insomma, le agenzie di pompe funebri social sono dietro l'angolo, gente...Meglio farne satira preventiva e riderci su, come ci propone di fare Luca Ravenna con il secondo webisodio di Non c'è Problema.
Gli altri webisodi saranno disponibili settimanalmente, il lunedì e il giovedì, su Repubblica.tv, dove dal 26 novembre, arriverà anche Connessioni: 10 incontri sentimentali, l'altra webserie targata Cattleya e Repubblica che, guardate un po', propone sempre un po' di ironia su questi social network dei quali sembra non possiamo più fare a meno per nessun motivo. La webserie, scritta da Enrico Audenino e Francesco Lagi, che ritroviamo anche alla regia, ironizza proprio su questo nostro essere sempre connessi ed essere ormai totalmente abituati a ricercare qualsiasi cosa online, anche e soprattutto per soddisfare i nostri bisogni e i nostri desideri... Sembra che tutto ormai dipenda dal web e dai nostri smartphone, anche la scelta delle persone con cui uscire. Ogni webisodio, della durata di circa 7 minuti, racconterà un primo appuntamento dei protagonisti, che passeranno dall'anonimato e dalle maschere concesse dai social network, alla conoscenza concreta. E, si sa, la realtà offline riserva spesso molte sorprese...

 Guarda "Non c'è problema"


Chiara Bressa,
World Wide Webserie / About Me
@Chiara Bressa



commenti
Commenta con Facebook o Google Plus