Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

“Quei 2 sul divano”, la webserie che racconta
il mondo dei videomaker low budget

Lunedì, 27 ottobre 2014


Si è conclusa la prima stagione di “Quei 2 sul divano”, webserie di Luca Conticelli e Ferdinando Ciaccia, che con ironia racconta la realtà di chi prova a farsi strada nel mondo del cinema senza un soldo in tasca.

“Tutto è cominciato in questo modo”, dice la buffa voce fuoricampo, che ricorda le vecchie soap televisive.
“Oh Ferdinà, è uscito il bando di concorso per cortometraggi. 1000 Euro de primo premio!”

Luca Conticelli (a sinistra) Ferdinando Ciaccia (a destra)
E noi, oggi, vi raccontiamo  proprio di questo bando di concorso per cortometraggi e di quei due che, nella foto accanto, vedete seduti sul divano e che cercano “un’idea carina” per parteciparvi.

Quei 2 sul divano è una webserie targata La Kimera e propone al Web la sitcom “sul divano”, ma un po' in stile Camera Caffè; camera fissa sempre su un unico ambiente (il divano), dove si susseguono gag e battute dei due protagonisti, Luca e Ferdinando, attraverso cui viene raccontata la produzione cinematografica dal basso, di sognatori squattrinati che si cimentano nella realizzazione di un cortometraggio, incontrando tutte le difficoltà ben note a chi si ritrova a voler produrre sogni senza soldi.
L’idea «è nata per gioco», mi racconta Luca Conticelli, regista della webserie, sceneggiatore insieme a Ferdinando Ciaccia, che affianca anche in scena, interpretando l’uno Luca e l’altro Ferdi.


«Dovevamo girare lo showreel di Ferdinando, quando ci siamo inventati il corto “L’idea” (online su YouTube) che è stata una sorta di puntata zero di “Quei 2 sul divano”». Il riscontro positivo ottenuto con il cortometraggio ha spinto Luca e Ferdi a farne una webserie, che raccontasse «il mondo delle produzioni low budget, visto con gli occhi di due ragazzi che devono realizzare un corto per partecipare a un concorso» e che mostrasse «gli aspetti della vita di tutti i giorni di chi vorrebbe entrare nel mondo dello spettacolo».
Nel corso di questa websitcom, i due affrontano tutte le tappe necessarie per la realizzazione di un cortometraggio e che vanno dalla stesura del soggetto al casting degli attori, passando per l’ardua ricerca di finanziamenti e giungendo fino alla delicata e stressantissima fase del montaggio.
E, come ogni impresa low budget che si rispetti, non possono mancare imprevisti e strambi personaggi come impiegati scontrosi, attori improvvisati, organizzatori sconclusionati, esattori cinici e via discorrendo, che colorano il tutto, complicando il lavoro ai due poveri protagonisti.

«Allegra, critica, realista», come ce la descrive lo stesso regista, la webserie è realizzata «rigorosamente no budget» e ironizza proprio sulle reali situazioni che, chi si cimenta a produrre cortometraggi, webserie, lungometraggi eccetera, in modalità appunto low budget, si trova a dover affrontare pressoché
quotidianamente
Situazioni che, quindi, molto probabilmente si sono ritrovati a dover fronteggiare nella realtà anche Luca e Ferdinando.
I Luca e Ferdi della webserie, però, insieme agli strani personaggi che incontrano lungo il percorso, caricaturizzano enormemente sia i giovani aspiranti creatori del cortometraggio, sia tutte le difficoltà che si trovano a fronteggiare.

Attualmente sono online tutti i sei webisodi della prima stagione. Non li avete visti? Quindi non sapete se Luca e Ferdi sono riusciti a partecipare al concorso? Non sapete se hanno vinto i 1000 Euro «de primo premio», dando così una svolta alle loro vite?
Allora vi lasciamo qui sotto l’intera playlist dei webisodi. Sedetevi sul divano e… 
Guardatevi Quei 2 sul divano!



Chiara Bressa,
World Wide Webserie / About Me
@Chiara Bressa




Quei 2 sul divano - tutti i webisodi della prima stagione


Seguite Quei 2 sul divano su
Facebook: https://www.facebook.com/quei2suldivano?fref=ts
Iscrivetevi al canale YouTube: LaKimeraProduction
e visitate il sito de La Kimera www.lakimera.it
commenti
Commenta con Facebook o Google Plus