Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

Lunedì, 2 dicembre 2013


THE WORLD 
 OF SILENT WORDS

una webserie muta per raccontare al Web una storia senza parole


Parlare di webserie muta può sembrare un paradosso.
Oggi, nell'era di YouTube, delle nuove frontiere della comunicazione, pensare che si possa riproporre il cinema muto su Internet può risultare anacronistico e vintage.
Ma così non è. Pensate a quanto sia comunicativo il silenzio, il non detto. Pensate alla potenza comunicativa delle immagini, dei suoni, dei gesti, degli sguardi. Ecco, pensate a tutto questo e immaginatelo in una webserie su YouTube. Pensate alla comunicazione senza parole sul Tubo, all'efficacia del non detto e alla potenza della Rete. Al mondo delle parole silenziose unito al mondo del Web.
Questo è The world of silent words, una webserie muta nata dall'idea di due studenti dell'Università IULM di Milano, Elisa Mirani e Nicolò Piccione, quest'ultimo già ideatore, regista e attore della webserie Quei Bravi Tamarri, vincitrice del premio Miglior Colonna Sonora al Campi Flegrei Web Series Fest e tra le 100 webserie selezionate dal Festival IMMaginario 2013.

L'astronave Laleo, realizzata su un modello 3D
L'idea di The world of silent words è stata sviluppata per partecipare al concorso Senza Parole, promosso da Moviemax in collaborazione con la IULM e fortemente voluto dal Professor Gianni Canova, preside di Facoltà dell' Università.
Un concorso che ha permesso a questi due giovani di mettersi alla prova, realizzando un progetto di ottima qualità e che mostra come si possa comunicare senza l'uso delle parole anche oggi, al tempo delle nuove tecnologie di comunicazione.
The world of silent words è una delle due migliori sceneggiature (entrambe rigorosamente senza dialoghi) del concorso di Movimax e ha ricevuto 3000 euro per produrre l'episodio pilota della webserie, che verrà presentato il prossimo 11 dicembre al Courmayeur Noir In Festival.

Ma cosa racconta questa webserie muta? The world of silent words racconta le vicende di quattro astronauti che partono alla volta dello spazio per studiare il comportamento anomalo di alcuni corpi celesti. Il comandante dell'astronave Laleo è alla ricerca di un pianeta che nessuno strumento terrestre riesce a rilevare.
A dar vita ai personaggi è un cast di giovani, tutti under 30:
Alejandro Bruni Ocaña, Martina Cavazzana, Elisa Pastore, Matteo Fossati, Nicolò Piccione e Sarah Frigerio.


Creare l'episodio pilota di una webserie di genere fantascientifico, ambientata in un’astronave e su un pianeta alieno, è stata sicuramente una sfida notevole, soprattutto tenendo conto del budget ridotto rispetto a quello che sarebbe servito per un simile progetto.
Fondamentale per le riprese e la post-produzione del progetto è stato il contributo della casa di produzione Don't Movie, senza la quale il progetto non avrebbe raggiunto la qualità ottenuta.

Ora la Laleo è in viaggio verso luoghi sconosciuti e il suo equipaggio è pronto a raccontarvi, senza parole, The world of silent words...

Seguite il progetto sulla pagina Facebook e su Twitter. Condividetelo, piacciatelo e restate sintonizzati con la Laleo perché, a breve, sarete voi a valutare The world of silent words votando online. Quindi, stay tuned!





Chiara,






commenti
Commenta con Facebook o Google Plus