Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

Martedì, 31 dicembre 2013




Quei Bravi Tamarri
"Un misunderstanding generale"
per la fine dell'anno


Con la fine del 2013 tornano Quei Bravi Tamarri, la webserie ideata e realizzata da Nicolò Piccione insieme a un gruppo di studenti dell'Università IULM di Milano e già vincitrice del premio Miglior Colonna Sonora al Campi Flegrei Web Series Fest 2013.



Dopo la puntata 0 e la puntata 1, i tamarri, in occasione dell'ultimo dell'anno, tornano con la numero 2, intitolata 
Un misunderstanding generale. Ma cosa mai causerà un'incomprensione generale?
"Il professor Lafuzzu, docente del corso di laurea in Tamarrologia all'università di Stili e Tendenze, nonchè unico premio Nobel al mondo in Tamarrologia, darà anche in questa puntata una lezione di vita...tamarra.
Dante, Jessica, Ivo, Gerardo, Giampambrogio e Pamela coglieranno l'insegnamento?"

Anche in questo webisodio, Quei Bravi Tamarri sempre con l'ironia, gli stereotipi, le situazioni assurde e trash tipiche di questa webserie, vi racconterà, enfatizzandolo, il mondo tamarro, dando anche questa volta una morale, una lezione di vita...tamarra.

"Bisogna essere sempre se stessi, capire quali sono i propri sogni e inseguirli. Sempre".

Vi lasciamo con il nuovo webisodio di Quei Bravi Tamarri.
Per ora è tutto gente, per il resto stay tuned! E...Buon anno!
Stasera ricordate di ballare sempre e comunque, spingendo il soffitto, ovviamente.



Redazione,


Una produzione "Pigeon Pictures". 
Sceneggiatore: Nicolò Piccione
Regista: Nicolò Piccione 
Direttore della fotografia: Michele Stanca
Ass. alla regia: Michele Stanca 
Montaggio e special FX: Nicolò Piccione
Cast: Nicolò Piccione (il prof di Tamarrologia),
Rocco Marino (il secchione),
Filippo Ghirardi (il gaio),
Elena Corvino (la sexy tamarra),
Giuseppe Greco (il prof di Sfasciume),
Ivaylo Pampulov (lo straniero),
Valery Andrei (la timida),
Corrado Adamo (lo sfigato)





commenti
Commenta con Facebook o Google Plus