Icona-email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Icona-Tumblr. Icona-YouTube
Fare Webserie WEBSERIEPLUS Web Series World Cup Netflix Heroes Reborn

Mercoledì, 3 luglio 2013

"Horror Vacui",
oggi alle 21 il secondo webisodio

Lo scorso 26 giugno è partita la webserie Horror Vacui di Riccardo Sardonè che, nel mondo webseriale, abbiamo potuto conoscere e apprezzare nel ruolo dell'emotional trainer David Rea, della pluripremiata webserie Stuck - the chronicles of David Rea di Ivan Silvestrini.

Oggi, 3 luglio, sul canale YouTube ufficiale di Horror Vacui e sul sito www.horrorvacuitheseries.it, verrà lanciato il secondo webisodio, ma già le premesse del primo confermano l'elevata qualità di questa webserie, prodotta dalla Raphaels Entertainment, diretta da Paola Rotasso e con un cast di attori professionisti, attivi in TV, al cinema, nel teatro e nella moda:
Grant Simone, Simone Cazzola, Bruno Cabrerizo, Cristian StellutiDeborah Morese, Francesco BorchiFrancesco Giuffrida, Gaia Scodellaro, Luca Raffaelli, Marco GobbiMariella Garriga, Mirko Cattaneo Valentina Melis.
Non solo un gruppo di professionisti, ma anche un gruppo di amici, che ha deciso di cimentarsi con questo progetto, varcando la soglia del mondo webseriale con un entrata degna di nota.



Una webserie horror, thriller, fantascientifica, girata a Santo Stefano Ticino, alle porte di Milano, dove la nebbia, i campi e le anguste viette, hanno accentuato l'atmosfera inquietante di questa produzione che racconta dell' horror vacui, ossia, la paura del vuoto.
"La natura rifugge il vuoto", affermava Aristotele. Lo rifugge perché tenta costantemente in ogni modo di riempirlo, quasi la sua possibilità di esistenza faccia paura. E Horror Vacui racconta proprio di questa paura. Paura del vuoto presente in ognuno di noi.

Stasera alle 21 sintonizzatevi sul canale YouTube di horrorvacuitheseries o sul sito ufficiale e non perdetevi il secondo webisodio di questa webserie da brivido.

Per ora è tutto... Ma, stay tuned folks!

Chiara

Nel caso ve lo siate perso, incorporiamo qui sotto il primo webisodio: 




commenti
Commenta con Facebook o Google Plus